Germano Bonaveri canta anche De Andre’…

La musica leggera sarebbe costruita con gli avanzi delle musiche (critici severi) , ma della “esistenza musicale”, la canzone e’ il momento culminante.
Abbiamo bisogno di una musica di tutti i giorni, il suono ci lega alla vita e la memoria e’ vita. Viviamo in un acquario sonoro, non solo perche’ le musiche ci arrivano da tutte le parti, ma anche perche’ il rumore e’ una costante della nostra esistenza.

“La canzone e’ un occhio puntato su questo secolo, la cui brevita’ e’ stata gia’ teorizzata. Se e’ cosi’, la brevita’ della canzone riesce ad inseguirlo e raggiungerlo” (Manlio Sgalambro).
Ma bisogna distinguere fra canzonetta, intesa come semplice prodotto di consumo e canzone come mezzo espressivo tipico del nostro tempo, portatore di forme e contenuti, che un passato erano privilegio dell’alta cultura, e l’emiliano Germano Bonaveri onora con la sua coerente vocalita’ e scrittura di brani questa aspettativa. Ancor meglio dal vivo, con chitarra o il gruppo.
La canzone e’ un media specifico, di parole-musica-voce del cantante/autore e arrangiamento.
Anche se cantiamo di meno, il peso che le canzoni hanno nella nostra vita non e’ affatto diminuito, in quella dei sentimenti.
Bonaveri merita maggiore visibilita’ ed attenzione, perche’ e’ impegnato nelle idee e nella comunicazione espressiva, in un momento di grave crisi di valori, un deserto dell’anima.
Il suo ripensare Fabrizio De Andre’ e’ naturale, fuori dalle mode.
“ I lampioni che la musica accende nel tempo dell’individuo sono surrogati di quel tanto dibattuto senso dell’esistenza che egli va cercando” (Theodor W. Adorno).
Germano Bonaveri e’ un artista della re-esistenza, cosciente che il successo ha un prezzo da pagare all’industria del consenso, e che dobbiamo “cambiare la musica”.

Edoardo Kanzian.

  • Visite: 2744