Da AGI per De Andre'

Bonaveri puo' essere definito l’erede di Guccini. Anche lui emiliano, calca un crinale composito che lo fa navigare tra De Andre’, Gaber e il Guccio. Sempre impegnato in concerti ma anche in tributi a Faber, Bonaveri sta lavorando alla realizzazione del suo terzo album, dopo i buoni riscontri ottenuti da “Scivola via” e da “Magnifico”. A quest’ultimo disco, pubblicato nel 2007, hanno collaborato musicisti come Beppe Quirici e Mario Arcari.

(di Germano Bonaveri) - Benvengano le celebrazioni di Faber. Benvengano oggi e va bene anche se gli stessi che adesso lo acclamano sono gli stessi che ieri esaltavano e domani esalteranno (appena si spegneranno le luci del circo) la musica usa e getta . Benvenga che le radio spazzatura dei grandi network dimentichino per un attimo i diktat degli x-factoriani e trasmettano Giugno '73.

Benvenga la denuncia del bisogno di ritrovare quel modo di fare musica: fosse vero. Io non so cosa farebbe De Andre' oggi, se fosse qui tra noi. A me viene in mente il Gaber di "Io se fossi DIo": metterebbe un sacco di distanza tra se' e questo mondo voltagabbana. Starebbe con le vittime di questo mondo: concerti su concerti. Non si rimpianga De Andre' con l'hit parade in tasca e la penna attenta a non ferire le suscettibilita' di qualcuno che conta. Si rimpianga con un po' di silenzio ogni giorno, tutti i giorni.

Si rimpianga l'intelligenza indipendente, che oggi e' merce cosi' rara da meritare di essere ricordata con altrettanta forza accanto a Fabrizio. In ultimo, benvengano le celebrazioni di Faber, se contribuiranno a farlo conoscere meglio a chi e' molto giovane e che magari sara' cosi' entusiasta della vita da innamorarsene.

Vai al sito della notizia

  • Visite: 2892