Di Maurizio Bianchimano

Mi trovo sulla scrivania un cd uscito nel 2004 a nome dei Resto Mancha , progetto formato da Germano Bonaveri (cantante ed autore) , Fabio Guercio (chitarra e coautore di molti pezzi presenti qui) , Luca De Riso (basso) , Lugi Bruno (pianoforte) e Gaetano Alfonsi (batteria) . Lo infilo nel mio cd player e ne rimango piacevolmete catturato , voce da cantautorato colto e musiche fuori dal tempo che profumano di Jazz , Blues , Sudamericana e suonate come dio comanda .
sito web :Maurizio Bianchimano

Si parte alla grande con La ballate delle rivolte dal ritmo a metà tra jazz e atmosfere latinoamericane , un cantato sentito e liriche taglienti e mai banali .
La seconda traccia è la mia preferita tra quelle presenti in questo album Classe 1923 , che parte come languido tango argentino e dal ritornello riuscito (che sapore ha la riconquista della libertà ) , accelera e rallenta in maniera quasi iptonica . La titletrack Scivola via inizia fiatistica , dal ritmo incalzante , in cui ogni strumento sta al posto giusto (altra ottima canzone !!!!) . Randagio è introdotta dal cantato soffuso di Bonaveri , un piano e il ritmo scandito dallo scocchio di dita , diventa un brano jazzato quasi dixieland e rallenta di colpo con atmosfere notturne e sulfureee per poi ridiventare dixie . Non ci sei inizia con una poesia decantata dalla voce del singer , diventando poi un lento brano retto da fisarmonica (suonata in punta di dita) e chitarra classica arpeggiata con un piano nelle retrovie ....un'altra ottima canzone davvero . Albero è un brano ritmato in cui il cantato è scandito a ritmo di jazz accelerato e rallentato di colpo . Cenere è un altro brano di buona fattura , come valida è Mani che prosegue nel viaggio tra musica a 360 gradi e linguaggio mai banale tra le liriche scritte da Bonaveri . Il brano seguente è la ballata Angelo , parte soffusa e lenta per poi animarsi nel cantato e nelle musiche ( connubio tra musica d'autore e sprazzi pop) . Contro ci porta al ritmo di taranta e pizzica tra liriche di protesta , altro ottimo episodio dei Resto Mancha . Chiude il disco la bonus track Clase 1923 traduzione in castigliano di Classe 1923 , che in spagnolo rende quasi meglio che in italiano (a mio personale avviso) . In definitiva un disco consigliato a chi ama la musica senza tempo (che non bada alle mode) e il mgilior songwriing italiano , personalmente questo cd starà molto nel mio lettore !!!!!!

Voto 7,5/10

Maurizio Bianchimano

  • Visite: 2811